L'analisi di bilancio costituisce uno dei principali strumenti utilizzati in economia aziendale per approfondire e studiare la dimensione economico-finanziaria della gestione delle imprese.

Essa per oggetto la valutazione dello stato di salute dell'impresa in maniera molto simile a quanto avviene attraverso le analisi cliniche.

Come osserva l'ing. Arduino Gulisano nella sua dispensa Lettura ed Analisi di un Bilancio

il paragone non è fuori luogo perché il metodo è soggetto alle stesse limitazioni di quello utilizzato per i vari check-up, cioè i risultati non danno un'indicazione universale.Gli indici di bilancio servono a giudicare lo stato di salute dell'azienda in maniera simile a quanto avviene mediante le analisi cliniche. Il valore di un indice può in alcuni casi rappresentare una situazione florida mentre in altri può non essere significativo. Da ciò deriva che un solo indice da solo non può fornire alcun elemento certo di giudizio, e che un giudizio affidabile si può avere solamente dal Quadro clinico completo.

Con le analisi di bilancio si possono ottenere adeguate conoscenze sulla struttura patrimoniale e finanziaria di un'impresa e sulla sua funzionalità economica, sia da un punto di vista storico sia da un punto di vista di previsioni future.

Esse mirano a fornire indicazioni complementari ed integrative a quelle espresse dalla misura e composizione del risultato di esercizio e del capitale di funzionamento.

a cosa serve l'analisi di bilancio

Lo strumento principale attraverso il quale si realizza l'analisi di bilancio è il calcolo degli indici.

Molte imprese spesso incontrano difficoltà, per svariati motivi, ad utilizzare in modo corretto strumenti diagnostici così efficaci quali gli indici aziendali, specialmente per una cognizione non chiara dei vari indici aziendali utilizzabili per soddisfare le più svariate necessità gestionali.

Deve essere però del tutto chiaro che non c'è la necessità di calcolare e utilizzare cento o duecento indici per comprendere quale sia la situazione finanziaria, patrimoniale ed economica di un'azienda: il più delle volte ne bastano pochi purché sian ben scelti.

Non si deve pensare che in questo sito si troveranno gli approfondimenti di tutti gli indici aziendali che possono essere calcolati, ossia questo sito non si prefigge l'obiettivo di diventare un pesante glossario degli indicatori aziendali, con qualche migliaio di indici, magari esposti in fila uno dopo l'altro, in ordine alfabetico, con una più o meno approfondita spiegazione sulle modalità operative per calcolarli.

Nelle imprese infatti il tempo è denaro e tutti possono capire come sia importante che il tempo a disposizione, come il denaro, va speso in maniera ottimale e con una certa utilità, presente o futura.

Ogni indice ha un suo particolare e limitato significato e non si può pretendere che il singolo indicatore dica di più di quello che nella realtà aziendale può dire. Come per tutte le cose, anche per gli indicatori di bilancio è necessario sapersi accontentare.

Ma gli indici di bilancio restano e resteranno sempre uno degli strumenti di analisi e di sintesi più efficaci per il controllo della gestione aziendale, anche grazie alla loro semplicità e facilità d'uso.

Nello stesso tempo sarebbe necessaro impegnarsi maggiormente per farli conosocere meglio, questo a partire dalla scuola e dalle assciazioni di categoria e ordini professionali, cui spetta in primis il non facile compito di preparare oggi gli operatori economici del prossmo futuro.



Coordinamento degli indici

Per predisporre una corretta e significativa analisi di bilancio, non è necessario calcolare una serie infinita di indici, quanto, piuttosto, disporre di un valido sistema di rapporti, nel senso, cioè, che ciascun indice non deve essere fine a sé stesso, ma deve rappresentare un anello del sistema dove ognuno assume significato ed utilità propri perché è correlato agli altri con funzione di reciproca e stretta indipendenza.

piramide degli indici albero  du pont

L'uso non coordinato di tali indicatori può portare ad un esame frammentario della gestione con il rischio di trascurare aspetti importanti e di non cogliere i legami esistenti tra la situazione economica e la situazione finanziaria.La sintesi degli indicatori di bilancio deve sfociare quindi in uno schema di coordinamento che assume un aspetto piramidale al cui vertice si trova un indicatore che riassume la gestione aziendale nella sua interezza: il ROE o indice di redditività del capitale proprio.